Pubblicato da: abba | aprile 27, 2009

Mai farsi prendre la mano

“Overall, we believe we’ve created some really unique and kick-ass wheels with these freerides that will greatly expand what can be done on a skateboard.”

In casa Loaded le dichiarazioni trionfalistiche si sprecano per ogni cosa mettano in commercio, roba da fare concorrenza al TG4 sull’operato del governo. A differenza del TG4 però hanno sbagliato poche volte, quindi….maniaci del drifting, scaldate i guanti!

Questo è il teaser, con il Team Orangatang al completo, buona visione :

Annunci
Pubblicato da: abba | aprile 5, 2009

Quando un’immagine…

…vale più di mille parole (soprattutto dopo il recente filotto di figure del caz__ ):

P.S.: in un’evidente momento di follia, ho aggiunto un’altro spot alla Italian Longboard Map, via Casella a Viano, check it out!

Pubblicato da: abba | aprile 5, 2009

Just another longboard spot

Con la mia proverbiale lentezza, ma inesorabile nel raggiungimento dell’obiettivo, ecco aggiunto uno spot nuovo alla Italian Longboard Map: Maso Spianez, in piena Val di Fiemme, tra Cavalese e Tesero…dateci un’occhiata che merita (io almeno mi ci sono divertito un sacco, soprattutto a fare l’ultimo tornante driftando in ingresso…)

ITALIAN LONGBOARD MAP

Pubblicato da: abba | febbraio 8, 2009

Parentesi seria

Concedetemi un paio di considerazioni sul caso Englaro, anche se il problema è ben più complesso…

A parte le deliranti considerazioni sugli stati vegetativi sentite negli ultimi giorni, pronunciate senza alcuna competenza, ma con tanto cattivo gusto e voglia di assicurarsi le simpatie degli ambienti più marcatamente cattolici (e non venite a dirmi che non è così, il sig. Berlusconi ha già una paura fottuta dei fisiologici segni dell’invecchiamento, immaginate voi di una PEG, un sondino naso-gastrico o addirittura di una cannula tracheostomica…), a parte il gusto sadico dei media di descrivere minuziosamente tutto quanto accade ad una ragazza…vorrei ricordare una cosa che per forza di cose sfugge a tutti coloro che si proclamano paladini della vita.
Beppe Englaro È il padre di quella povera ragazza ora al centro di questa disputa.
E se un padre arriva a fare tutto questo, NON LO FA PER SE STESSO.

Da fisioterapista quale sono ho avuto la possibilità di lavorare con pazienti traumatizzati cranici anche gravi, anche stati vegetativi e -quindi- di entrare in contatto con le dinamiche che si vengono a creare nelle famiglie dei pazienti; sono famiglie che vivono per i loro parenti e non si sognerebbero di pensare di interrompere la nutrizione perchè si son rotti i coglioni di fare avanti e indietro da una clinica,o perchè si vuol liberare una stanza per mandarci i bimbi a giocare coi Pokemon….

Per quanto mi riguarda, uno può essere pro o contro la possibilità di stilare un proprio testamento biologico, ma pensare che il sig. Englaro sia un “antipadre” -come mi è capitato di leggere in un paio i blog- è riprovevole e anche un po’ da minchioni.

Come dicevo prima questo non è l’unico problema, ma almeno possiamo parlarne liberamente e confrontare diverse opinioni.

Il fatto è che qui si mette in dubbio ciò che ci permette di avere idee diverse e di poterle professare.
Qui si sta prendendo spunto da una vicenda triste (che andrebbe valutata con calma e lontano dal clamore) per poter ribaltare le regole sancite dalla costituzione.

Per chi non lo sapesse, la costituzione viene cambiata da un giorno all’altro in funzione delle necessità e/o stati d’animo del capo del governo nei seguenti contesti:

  • MONARCHIA ASSOLUTA
  • DITTATURA

La Costituzione Italiana non è stata pensata da menti filosovietiche come qualche coglione vuol far credere, ma da TUTTE le forze politiche facenti parte dell’assemblea costituente.
È stata il frutto della caduta del fascismo, che oltre a un simpatico ventennio di totalitarismo e repressione ci ha anche regalato 6 anni di seconda guerra mondiale…è il documento scritto che finora ha garantito un minimo di libertà in Italia a tutte le persone, non solo a chi sta al potere…
Per la sua funzione e per quella che è stata la nostra storia, la costituzione può essere cambiata solo attraverso procedure non sbrigative. Giustamente.

La Costituzione è la base della nostra Repubblica che non può essere sminuita al bisogno dal presidente del consiglio. Non si può mettere a repentaglio l’unica garanzia rimasta per guadagnare consensi. Ed è per questo che nella colonna di destra c’è un nuovo banner, a favorte dell’appello di Massimo Fini e Marco Travaglio.
La Costituzione va difesa perchè permette -a me e a chi la pensa in modo diverso- di esprimere le proprie idee.
Siamo proprio sicuri di voler togliere questo diritto?

E se ci trovassimo dalla parte sbagliata?

‘DICO AL MIO AVVERSARIO: IO COMBATTO LA TUA IDEA CHE E’ CONTRARIA ALLA MIA, MA SONO PRONTO A BATTERMI SINO AL PREZZO DELLA MIA VITA PERCHE’ TU LA TUA IDEA LA POSSA ESPRIMERE SEMPRE LIBERAMENTE”.
Sandri Pertini, citando Voltaire dal discorso di fine anno del 1983

Pubblicato da: abba | febbraio 2, 2009

Applicazioni varie della Legge del Contrappasso

Il (purtroppo) Ministro dell’Interno ha voluto far capire qual’è la sua idea su chi arriva nel nostro paese.

Peccato che gli stessi amichevoli sentimenti siano diretti ai nostri connazionali in Inghilterra.

Peccato poi che -ammesso e non concesso che esista la Padania- un leghista altro non è che un immigrato che viene in Italia pretendendo di comandare.

Peccato infine che Roma sia sempre ladrona, anche se negli ultimi 14 anni la Lega sia stata al governo per un totale di *soli* 12 anni.

A’voglia a dire che le cose van male…

Pubblicato da: abba | gennaio 20, 2009

Considerazioni a distanza sul Listone 2008

Nel post precendente sul mio personalissimo Listone dello scorso anno, “Recomposed by Carl Craig & Moritz Von Oswald” si era piazzato al secondo posto.

Ora, dopo averlo ascoltato più volte, posso dire senz’ombra di dubbio che si tratta di un disco di grandissmo valore, il cui risultato va ben oltre il semplice lavoro di due dj su campioni di musica classica: i pezzi originali assumono nuove forme senza esserne stravolti, mettono in luce aspetti che non avevamo visto solo che di sfuggita, esplorano nuovi spazi e territori in un continum che unisce classica ed elettronica, sia nei suoni che nelle intenzioni.
Strutturato in due suite (la prima formata da 4 movimenti, la seconda da 2) separate da un interludio, trasuda qualità da ogni nota. I movimenti 5 e 6 poi sono assolutamente epici, a livelli che non si sentivano da anni. Dischi così non ne escono spesso.

No fucking way, capolavoro assoluto!

Pubblicato da: abba | gennaio 9, 2009

Per chi sentiva la mancanza…

…dell’On. Carlucci, ecco a voi un’altra sua perla.

Per fortuna c’è chi ci dice come le cose stanno veramente, altro che i vari forum dedicati al P2P!
(certo che bisogna darle atto che ha una bella faccia tosta a scrivere post come questi…)

Pubblicato da: abba | gennaio 9, 2009

Scoprire l’acqua calda

E fare anche bella figura, o almeno non fare figure del caz__ come successo con l’osceno (s)Vista.

Ma non temete, da Microsoft ci si può attendere sempre il peggio.

Pubblicato da: abba | dicembre 31, 2008

Chi non muore si rivede

E posta il Listone™!

1 – Why? “Alopecia” (indie hip-pop)
Tra hip hop non convenzionale e cantautorato pop di qualità, si ascolta pure volentieri. E per chi si prende la briga di tradurre i testi la qualità si trova pure lì.  Caz__ volete di più?
“Fatalist Palmistry”, “The Hollows” e “By torpedo or Crohn’s” sono tre delle chicche presenti in questo disco. Avercene di dischi così…..

2 – Carl Craig & Moritz von Oswald “Recomposed by Carl Craig & Moritz von Oswald” (electronica, classica)
Se ho preso un abbaglio per questo disco, l’hanno preso anche quelli della Deutsche Grammophon. Lo metto al secondo posto per prudenza e per dimostrare che alla mia venerdanda età sono oramai immune agli hype (non ci crede nessuno).

3 – Stephen Malkmus & the Jicks “Real Emotional Trash” (indie rock)
La classe non è acqua, anche nel mondo indie. Ottimo disco, non innovativo, ma sicuramente ispirato, che conquista ascolto dopo ascolto. Come cantava qualcuno, it’s only Rock and roll (but I like it)!

4 – TV On The Radio “Dear Science” (indie rock)
Forse sono stato io a non apprezzare a dovere il precedente “Return to cookie mountain”, ma i TV on the Radio sono una delle realtà più interessanti del panorama rock attuale e il loro ultimo album ne è la prova con tanti pezzi interessanti, mai banali e/o ripetitivi. Convincenti.

5 – Crystal Antlers “Crystal Antlers EP” (neo-psychedelic)
Un esordio furioso e delirante, tra psichedelia, indie rock e noise. Decisamente non per tutti, ma per chi -come me- ha avuto un attacco di diarrea quando ha visto una band come gli Horrors, questo disco è un toccasana.

6 – Gatto Ciliegia vs. il Grande Freddo “Disconoir” (dream pop-rock)
Ecco una valida risposta alla domanda “ma tu non ascolti musica italiana?”. Ottima colonna sonora per una nevicata.

7 – The Mae Shi “Hlllyh” (experimental noise-rock)
Il titolo è impronunciabile, ma è il meno. Questi son proprio pazzi, per certi versi mi ricordano l’approccio dei primi Jane’s Addiction. Forse non c’è un nuovo Perry Farrell in erba, ma di sicuro lo spacciatore è lo stesso.

8 – Flying Lotus “Los Angeles” (left-field hip hop)
Questa definizione l’ho presa paro-paro da allmusic.com, perchè facevo un po’ fatica a darne una io (non perchè sono pigro, sia ben chiaro). Tra ritmiche hiphop, sonorità elettroniche di varia provenienza e lavorazione. Bel, disco, a tratti (quasi) geniale.

9 – Foxboro Hot Tubs “Stop Drop And Roll” (garage rock revival)
Gran disco da cazzeggio cazzone. Ruspante e rutilante; ogni tanto un po’ di musica “un tanto al braccio” e che richiede non più di tre neuroni per essere apprezzata, fa solo che bene.

10 – The Niro “An Ordinary Man EP” (indie rock)
Se si scopre l’acqua calda almeno bisogna farlo bene. Come direbbe Giòrg Dàboliù, missione compiuta.

Menzione al merito:
Eugene McGuinness “Eugene Mc Guinness”
Tricky “Knowle West Boy”
Hercules And Love Affair “Hercules And Love Affair”

Missing of the year:
Sigur Ròs – Með Suð Í Eyrum Við Spilum Endalaust
(provvederò al più presto)

Disco del cazzo 2008:
Parlare male dei Coldplay è come sparare sulla croce rossa. Il disco del cazzo di quest’anno è quindi “808 & Heartbrake “di Kanye West: il buon Kanye scopre l’esistenza del Vocoder e ci fa un album intero e il risultato si pone a metà tra la noja mortale e un’atroce rottura di coglioni. È la dimostrazione che Louis Vuitton uccide il talento; in tempi di crisi, un po’ di cassa integrazione non gli farebbe male.

Must to see 2008:
Wall-e
Il Cavaliere Oscuro
That’s it That’s All

Must to read:
Candace Pert “Molecole di emozioni”

Must to do 2008 (tricks):
longboard shove-it, toeside & heelside 360; eurocarve

Must to ride with:
Tracker Green Stimulator Bushings, VXB abec 7 teflon sealed bearings, Silverspace wheels 69mm. 80A

Must to know 2008:
per chi ancora non lo sapesse, sono finalmente osteopata e àm sùn spusé!

Pubblicato da: abba | maggio 31, 2008

È ANDATA!

Dopo un’ora passata sotto le forche caudine di questi due (tostissimi) elementi qui sotto (qui e qui i rispettivi curriculum….) , ho concluso con successo la mia avventura alla S.I.O.Te.Ma. in quel di Firenze!

Iginio Furlan Andrea Ferrero

Sono stati sei anni nei quali mi è successo un po’ di tutto…ma sopra ogni cosa è stato un percorso che mi ha segnato sia dal punto di vista professionale che umano.

Ora non ci rimane che “la finalissima” di Torino a novembre, dove in palio ci sarà il tanto agognato D.O. (ma posso già bullarmi di essere un ostepata o no?)…

Un grazie di cuore a chi mi ha sopportato in questi anni, non solo a Firenze, ma anche qui a casa….e a chi è stato in grado di farmi imparare qualcosa (forse)!

OT: dopo la nuova skin è in arrivo anche il nuovo banner, a breve sul vostro schermo (sempre che passiate ogni tanto su questo blog, buahahahahah…)

Older Posts »

Categorie